giovedì 15 novembre 2012

Foodies 2013. La guida non guida per i buongustai del 3.0



Foodies 2013. La guida non guida per i buongustai del 3.0

Terzo anno per questa “strana” guida dedicata a chi del cibo non ha fatto una professione. Una guida fuori dagli schemi che, libera da classifiche, si diverte a scorazzare lungo il nostro territorio per mettere in fila un indirizzario a prova di vero appassionato. E dato che il termine foodies sta sempre più diventando un codice identificativo, la guida Foodies 2013 entra ancora di più nel dettaglio della ricerca della qualità, focalizzando l’attenzione soprattutto sull’origine del prodotto. Oltre 50 itinerari con box e pagine di approfondimento per un totale di 1200 indirizzi. Non si assegnano voti ma vengono selezionati rigidamente luoghi e persone che valorizzano senza preconcetti il territorio. Dalle piccole aziende che regalano gioie al palato con i loro prodotti esclusivi ai ristoranti che danno vita a una cucina intelligente e viscerale, dal casaro sperduto tra i monti all’alta gamma dell’Ipercoop, perché il buono può essere ovunque e il vero foodies non si ferma davanti a nulla per scovarlo.

Ecco un piccolo “assaggio” della guida.

Aosta
La Bottegaccia via Sant’Anselmo, 90 Tel. 016541241 Chiuso sempre aperto Sito www.labottegacciaosta.com
Gastronomia. Da nord a sud, da est a ovest, fai formaggi ai salumi passando per miele e riso. Per cene fra amici, o golosi spuntini solitari, un salto alla Bottegaccia è d’obbligo. Ma partiamo dai prodotti locali. Di formaggi, ovviamente, c’è l’imbarazzo della scelta. Fontina, Toma e Blu d’Aosta sono presenti, anche in più versioni. Non mancano certo i grandi salumi della Vallée, così introvabili nel resto d’Italia, che sono una vera chicca per gli appassionati forestieri: Jmbon de Bosses, lardo di Arnad, mocette e altre delizie che Angelo Scarica, patron della Bottegaccia, ricerca instancabilmente. Eppure qui non ci si accontenta mai: pasta, cioccolato piemontese, conserve, di tutto un po’ ma solo il meglio.

Rivoli (TO)
M**Bün c.so Susa, 22e c/o Galleria Vart Tel. 0119534062 Chiuso sempre aperto Sito www.mbun.it Prezzo 15 euro Carte di credito CSi, MC, VISA
Pausa gourmet. Mixate pure senso dell’ironia, ottime materie prime e una filosofia basata su prodotti sani e gustosi, ingredienti del territorio e otterrete la prima agri-hamburgheria che parla piemontese. E che al grido di “filiera corta? sì, grazie” ha introdotto lo slow-fast-food come formula di successo. Ed è una formula molto semplice: hamburger 100% fassone piemontese con patatine tagliate e fritte al momento. Ma anche carpacci e robiole in diverse varianti, zuppe del giorno e sottoli Scaglia (l’azienda agricola cui si deve tutto ciò), pane e salse di produzione propria. In menu altre squisitezze “dialettali” come il Pulastr al pollo, lo Spatuss (sfoggio) di fassone, le Mac Bale (solo palle, polpettine) e il Can caud (Hot Dog).

Scaglia via Artigianelli, 71/7 Cascine Vica fraz. Bruere Tel. 0119573808 Chiuso domenica, lunedì, martedì e la mattina di mercoledì
Carni & salumi. Voglia di ciccia? Quella succosa, morbida, dai profumi intensi e dal sapore avvolgente? In Piemonte carne è sinonimo di razza piemontese e qui l’allevamento è una vera e propria arte. E lo sanno bene i fratelli Scaglia che perpetuano la tradizione di famiglia da oltre 70 anni in un paradiso di naturalità nel quale bovini, suini, galli, galletti e conogli vengono cresciuti e lavorati secondo criteri rigorosi e con tanta passione. Palato e salute sentitamente ringraziano. Ottimi infatti realizzati con i propri suini (si spazia dai salami cotti ai salami crudi al prosciutto cotto naturale, pancetta galantina, e ora anche il cosciotto, una specie di culatello), cappone per Natale, tagli di manzo per arrosti e brasati impeccabili.

Genova
Fratelli Sacco via Branega Inferiore, 14 loc. Prà Tel. 010663214
Azienda agricola. Dal 1880 la famiglia Sacco produce basilico di Prà nella cittadina a ponente di Genova. Proprio questo basilico è l’ingrediente che rende il pesto veramente eccezionale, profumato e saporito senza mai una nota aromatica fuori posto. Insomma, le richieste all’azienda del basilico di Prà sia dalla città che dai dintorni è sempre stata alta ma negli anni è cresciuta sempre di più, finchè, ai Sacco non è venuta un’idea: produrre il loro pesto. Verde brillante, consistenza cremosa, gusto pulito, rotondo ed equilibrato, in una parola il vero pesto genovese, per condire la pasta ma buono anche da mangiare così com’è.

Milano
Ciccilla via A. Volta, 7 Tel. 026597816 Chiuso domenica, 1-6/31-7 chiuso anche lunedì Sito www.ciccilla.it Prezzo 10 euro Carte di credito nessuna
Pausa gourmet. Forse non esiste nulla di più confortevole delle polpette. Al sugo, proprio come ce le preparava la nonna, fritte, al forno, con le verdure, di formaggio, di pesce. Vi è venuta voglia? Se siete a Milano entrate in questa polpetteria e toglietevi ogni sfizio. Una lavagnetta riporta in bella vista le scelte del giorno, altrimenti, menu alla mano, vi perderete nel fantastico mondo delle polpette (suona bene non trovate?). manzo, pollo, prosciutto, i tipici mondeghili, “pallotte cacio e ova”, merluzzo, fontina, tonno e spinaci, gamberi e patate, supplì e arancini. Per completare il vostro pasto verdure e birre ben scelte. Le polpette, si vendono a peso, così non perdete di vista le quantità!

Roma
Aromaticus via Urbana, 134 Tel. 064881355 Chiuso lunedì a pranzo e domenica Sito www.aromaticus.it Prezzo 20 euro Carte di credito CSi, MC, VISA
Pausa gourmet. Solo due pazzi (nel senso buono del termine, si intende!) come Francesca Lombardi e Luca De Marco avrebbero potuto aprire un locale del genere. Un piccolo vivaio di erbe aromatiche con tanto di angolo dedicato a squisite preparazioni fredde e boutique del giardinaggio in casa, solo edibile però. Potrete acquistare piantine, semi, vasi e tutti gli strumenti per piantarli in casa da soli. Potrete provare i germogli più strani, i sali aromatizzati e tante altre prelibatezze delicate al mondo delle spezie. E le preparazioni di Luca, queste certamente le apprezzerete più di tutto il resto. Zuppe, patate al cartoccio con panna acida ed erba cipollina, insalate, carpacci e la tartare con carne di Liberati ed erbe di Aromaticus. Luca starà lì ad aspettare il vostro primo assaggio, “è squisita, no?”.

Primo via del Pigneto, 46 Tel. 067013827 Chiuso lunedì, aperto solo la sera escl. sabato e domenica Sito www.primoalpigneto.it Prezzo 50 euro Carte di credito tutte
Ristorante. Oggi va di moda parlare di versatilità dell’offerta, di locali polifunzionale, beh, ci piace poter dire che Primo lo è da sempre. Sin dall’inizio il desiderio di Marco Gallotta e soci è stato quello di creare un locale che rispondesse a più esigenze, senza restrizioni o snobberie di sorta. Da Primo, con costanza nel tempo, innanzitutto si assaggia una cucina di livello, che, con radici romane, spazia per tutta la penisola. Osservare il menu, infatti, equivale a fare un giro tra le bellezze del territorio italiano. La carta dei vini è un altro capitolo da aprire, estesa, di facile lettura, con attenzione ai vini naturali, alla Francia e a tutto ciò che di notevole l’Italia può offrire. Da Primo, però, vieni accolto con gentilezza anche se vuoi sorseggiare solo un Bloody Mary, una birra o un distillato: al bancone o ai tavolini sarai coccolato al pari del gourmet che si ferma a cena. Bella l’offerta per l’aperitivo che dà l’occasione di assaggiare 5 piatti del menu in versione tapas.

Napoli
Friggitoria Vomero via D. Cimarosa, 44 Tel. 0815783130 Chiuso domenica Prezzo 10 euro Carte di credito nessuna
Street food. Passare da Napoli e non concedersi un goloso “cuppetiello” carico delle più buone prelibatezze fritte partenopee è veramente un peccato mortale. Se vi trovate dalle parti del Vomero e non sapete dove fermarvi per assaggiare questo tipico street food, nessun problema, seguite i profumi e gli aromi che inondano la strada (e la fila) e arriverete dritti dritti alla Friggitoria del Vomero. Al prezzo di una manciata di euro avrete la possibilità di rinfrancare lo spirito e riempirvi la pancia di squisitezze. Vogliamo tentarvi, pensate solo a krapfen, crocchè, piccolini arancini, paste cresciute, scagliuozz’, frittatine di maccheroni, fiori di zucca, melanzane in pastella e, nemmeno a dirlo, le mitiche pizze (fritte o al forno). Qui la dieta è bandita, in fondo vi state guadagnando un posto in Paradiso!

Attanasio vico Ferrovia, 2 Tel. 081285675 Chiuso lunedì Sito www.sfogliatellecalde.com
Pasticceria. Si dice Napoli e viene in mente subito, dopo la pizza, sicuramente la sfogliatella. Potrebbe poi sorgere una disputa tra chi la preferisce riccia e chi frolla. Poco importa. Basta sapere che vanno acquistate qui, in uno dei templi della croccante “conchiglia” farcita di ricotta e canditi. Facile pure da raggiungere (a ridosso della stazione centrale, nome storico che calca la scena da più di 80 anni!!) naturalmente prepara anche altri tipi di paste e dolci tipici partenopei, ma la vera protagonista è “lei”. Se ne sfornano di continuo nelle due varietà e il negozio è sempre affollatissimo. La fila in questo caso non innervosisce, anzi fa venire ancora di più l’acquolina in bocca!

Palermo
Franco ‘U Vastiddaru via Vittorio Emanuele, 102 Tel. 091325987 Chiuso sempre aperto Prezzo 10 euro Carte di credito nessuna
Street food. Questo è il classico posto davanti al quale si passa tante volte e non lo si nota mai… finchè non ci si entra; allora non lo dimenticherete più! Il fascino rustico e semplice del cibo di strada palermitano, in un locale dove ciò che conta è solo il sapore delle cose buone tradizionali. Si riconosce dal tendalino verde un po’ usurato dalle intemperie e dai due banchi aperti lungo corso Vittorio. Arancini, pane e panelle, pane con la milza (pani ca’ meusa), sono alcune delle varie specialità locali che qui potrete assaggiare in una delle loro interpretazioni migliori servite al bancone come vuole la tradizione. Un indirizzo sicuro - come confermano i tanti palermitani che frequentano il locale - ideale anche per placare un languorino improvviso che a volte coglie a tarda notte, visto il tardo orario di chiusura.

*Foodies 2013 - 1.200 indirizzi dove il cibo è piacere e passione, Gambero Rosso